NAZIONALE | European Qualifiers, l’Italia domina ad Atene e consolida il primato del girone. Mancini: «Stiamo migliorando»

L’Italia espugna il ‘Spyros Louis Stadium’ di Atene, sconfiggendo 3-0 la Grecia nella terza gara del girone J di qualificazione ad Euro 2020, il torneo itinerante in programma tra un anno nel vecchio Continente. Un risultato che sarebbe potuto essere ancora più netto per gli Azzurri, protagonisti di una prova sontuosa, a tratti schiacciante, che conferma i progressi registrati in questo 2019, a poco più di un anno dall’esordio sulla panchina della Nazionale del ct Roberto Mancini.

Dopo le vittorie con Finlandia e Liechtenstein, l’Italia va a caccia della vittoria numero 430. Sono 9 i precedenti contro la Grecia con gli Azzurri che hanno conquistato 5 successi e 3 pareggi, rimediando solo 1 sconfitta datata 47 anni fa proprio ad Atene (2-1 in amichevole). Mai le due squadre si sono mai affrontate in una Fase Finale di Mondiali e Europei, così come nelle Qualificazioni agli Europei. L’ultimo precedente risale al 2008: ad Atene finì 1-1 in amichevole con i gol di Gekas e Toni. Quattro, infine, i precedenti dell’Italia a Atene col bilancio di una vittoria, due pareggi ed una sconfitta.

Il ct Mancini conferma il 4-3-3 e rilancia dal primo minuto in attacco Belotti e Insigne, con Chiesa a completare il reparto offensivo. A centrocampo, trio di qualità con Barella-Jorginho e Verratti. In difesa, davanti a Sirigu, linea a quattro con Florenzi, Bonucci, capitan Chiellini e la novità Emerson Palmieri.
Proprio la fascia sinistra di competenza del terzino del Chelsea, diventa presto terreno fertile per l’Italia che nonostante il caldo estivo della serata ateniese, impone subito il proprio ritmo all’incontro.

Inevitabile così al 23esimo il vantaggio azzurro firmato da Barella, al secondo gol con la maglia della Nazionale, dopo la bella accelerazione di Belotti, autore dell’assist dell’1-0. Con personalità e facendo prevalere il maggiore tasso tecnico, gli Azzurri capiscono le difficoltà dei padroni di casa e ne approfittano già prima dell’intervallo, grazie ad un 1-2 nel giro di tre minuti.
Alla mezz’ora, sempre da sinistra, Insigne scova l’angolino dove indirizzare il pallone sul quale non può arrivare Barkas; poi, è Bonucci sul traversone dalla corsia mancina di Emerson Palmieri, a deviare la sfera di testa quel tanto che basta per mettere fuori causa il portiere.

È un’Italia bella da vedere e soprattutto vincente, capace anche di non concedere praticamente nulla agli avversari. Bisogna attendere, infatti, il 70’ per il primo intervento di Sirigu, su un gran tiro di Fortounis. Per la Nazionale di Anastasiadis è soltanto uno squillo, in un monologo assoluto degli Azzurri che poco dopo sfiorano a più riprese il poker, con De Sciglio, Insigne, Chiesa, Florenzi e ancora Insigne a due minuti dal termine.

Al triplice fischio, la Nazionale di Roberto Mancini ottiene così il primo successo esterno nelle qualificazioni ad Euro 2020 e soprattutto tre punti fondamentali che gli permette di consolidare il primato nel girone J. Appuntamento ora a martedì prossimo allo Juventus Stadium, per l’ultima sfida di questa stagione, contro la Bosnia di Pjanic e Dzeko, attualmente in ritardo dalla vetta di cinque lunghezze.

Roberto Mancini during the UEFA Euro 2020 Qualifier between Greece and Italy on June 8, 2019 in Athens, Greece.

È un Roberto Mancini soddisfatto quello che si è presentato ai microfoni al termine dell’incontro vinto 3-0 dall’Italia in casa della Grecia. “Stiamo cominciando a migliorare. Siamo stati bravi noi ad indirizzare la gara così – ha esordito il ct azzurro – Dovevamo spingere un po’ di più, abbiamo gestito troppo. Bene non prendere gol ma possiamo farne di più”.

Premiate le scelte del commissario tecnico, a partire da Lorenzo Insigne, autore del secondo gol e tra i protagonisti del match. “Avevo visto un Insigne brillante in settimana, – ha spiegato Mancini – oggi me l’ha confermato. Siamo avanti nella costruzione del nostro progetto ma c’è da lavorare molto”.

Il Ct ha, infine, rivolto un pensiero all’Under 20 di Nicolato, attesa dalla semifinale Mondiale contro l’Ucraina, martedì prossimo, e alla Nazionale femminile di Milena Bertolini, impegnate domani nell’esordio contro l’Australia a Francia 2019.

Tra i protagonisti del match, come detto, Lorenzo Insigne, al suo quinto centro con la maglia della Nazionale. “Segnare con questa maglia ha un sapore speciale. Ci voleva – ha proseguito l’attaccante azzurro – Ora dobbiamo recuperare le forze, ci aspetta un’altra battaglia martedì. Questo è un grande gruppo, ha molta intensità sia in allenamento che in partita”. Insigne ha anche elogiato il lavoro svolto sinora dal ct Mancini: “Ci sta dando molto. Ha esperienza e conoscenze, il suo apporto è fondamentale”.

Se l’attacco comincia a segnare con regolarità, non è da meno la difesa che ha confermato la sua imbattibilità anche questa sera. “Hanno parlato in questi giorni del nostro record – ha risposto l’estremo difensore Salvatore Sirigu – sono orgoglioso di condividerlo. Nel calcio moderno noi portieri siamo chiamati a partecipare al gioco, aiuta a stare concentrati”.

» GUARDA LE FOTO FIGC

 

European Qualifiers
Girone J
Terza giornata (8 giugno)
Finlandia-Bosnia 2-0
Armenia-Liechtenstein 3-0
Grecia-ITALIA

Classifica: ITALIA punti 9, Finlandia 6, Bosnia e Grecia 4, Armenia 3, Liechtenstein 0

L’elenco dei convocati
Portieri: Alessio Cragno (Cagliari), Pierluigi Gollini (Atalanta); Salvatore Sirigu (Torino), Antonio Mirante (Roma);
Difensori: Francesco Acerbi (Lazio), Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Giorgio Chiellini (Juventus), Mattia De Sciglio (Juventus), Emerson Palmieri (Chelsea), Alessandro Florenzi (Roma), Armando Izzo (Torino), Gianluca Mancini (Atalanta), Alessio Romagnoli (Milan);
Centrocampisti: Nicolò Barella (Cagliari), Federico Bernardeschi (Juventus), Bryan Cristante (Roma), Frello Filho Jorge Luiz Jorginho (Chelsea), Lorenzo Pellegrini (Roma), Stefano Sensi (Sassuolo), Marco Verratti (Paris Saint Germain), Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti: Andrea Belotti (Torino), Federico Chiesa (Fiorentina), Stephan El Shaarawy (Roma), Vincenzo Grifo (Friburgo), Ciro Immobile (Lazio), Lorenzo Insigne (Napoli), Moise Kean (Juventus), Leonardo Pavoletti (Cagliari), Fabio Quagliarella (Sampdoria).

Staff – Commissario Tecnico: Roberto Mancini; Coordinatore Nazionale A: Gabriele Oriali; Assistenti tecnici: Alberico Evani, Attilio Lombardo, Giulio Nuciari, Fausto Salsano; Preparatori atletici: Claudio Donatelli e Andrea Scanavino; Preparatore dei portieri: Massimo Battara; Match Analyst: Antonio Gagliardi; Medici: Andrea Ferretti e Carmine Costabile; Fisioterapisti: Maurizio Fagorzi, Emanuele Randelli, Fabrizio Scalzi, Luca Lascialfari, Fabio Sannino; Osteopata: Walter Marinelli; Nutrizionista: Matteo Pincella; Segretario: Emiliano Cozzi; Capo Ufficio Stampa: Paolo Corbi.

Programma raduno e attività media

Domenica 9 giugno
h. 11.00 l.t. Allenamento (chiuso)
h. 15.45 l.t. Trasferimento presso aeroporto di Atene
h. 17.00 l.t. Partenza volo charter Atene/Torino
h. 19.00 Arrivo e trasferimento presso hotel

Lunedì 10 giugno
h. 17.30 Conferenza Stampa ufficiale MD-1 c/o “Juventus Stadium”
h. 18.00 Allenamento MD-1 c/o “Juventus Stadium” (aperto per i primi 15’ min. ai media accreditati)

Martedì 11 giugno
h. 20.45 MD4 Italia–Bosnia Erzegovina – “Juventus Stadium” A seguire Attività media

(Visited 77 times, 1 visits today)
Please follow and like us: